Il Cardinal Sandri in merito al pellegrinaggio del papa

In un’intervista a Terrasanta.net, un sito internet francescano, il cardinal Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ha parlato del pellegrinaggio del santo padre:

D. Qual è il significato del prossimo pellegrinaggio del papa ad Amman e Gerusalemme?

 

  1. Ad Amman sarà molto importante l’incontro di Papa Francesco con le vittime di questa catastrofe umanitaria causata dalla guerra in Siria, dopo la tragedia in Iraq. L’incontro con i profughi mostrerà che la Chiesa è dalla parte di quelli che più soffrono, e costituirà un appello al mondo intero per un aiuto concreto a queste persone. Ma il viaggio avrà fondamentalmente un significato ecumenico, sulla scia di un interrogativo che ci interpella tutti e che è sempre più incomprensibile: perché siamo divisi? Perché se tutti crediamo in Cristo stiamo dando questo spettacolo di divisione? È enormemente significativo che il Papa incontrerà il patriarca Bartolomeo e lo abbraccerà esattamente come 50 anni fa si abbracciarono Paolo VI e Atenagora proprio nel Santo Sepolcro, che rappresenta il luogo in cui si avverte maggiormente la divisione dei cristiani. Proprio lì Francesco e Bartolomeo si abbracceranno, per rinnovare la promessa di voler arrivare all’unità, come nell’orazione al Padre di Gesù: «Che essi siano una cosa sola».

L’intero articolo si trova al seguente link:

http://www.terrasanta.net/tsx/articolo.jsp?wi_number=6235&wi_codseq=%20%20%20%20%20%20&language=it