Le famiglie a pranzo con il papa

Domenica 25 maggio 2014 un gruppo di famiglie palestinesi e un gruppo di giovani sono state invitare a pranzare con il papa a Betlemme.

– George SBEIT e sua moglie Shadia insieme con i figli Nicole (15) e Cesar (13). Sono di Ikrit, un villaggio Cristiano completamente evacuato dall’esercito israeliano nel 1948. Gli abitanti non sono mai potuti tornare nel loro villaggio da allora.

– Elias ABU MOHOR e sua moglie Juliet insieme alle due giovani figlie Isabel e Elizabeth da Cremisan, Beit Jala. Rischiano di perdere la loro terra, se non ci saranno cambiamenti in quanto previsto dall’esercito israeliano

– Joseph HAZBOUN sua moglie Rima, loro figlio Yazan (16) e la figlia Laian (18). Rima è di Gerusalemme, mentre suo marito è di Betlemme, uno dei tanti casi di famiglie che non possono essere riunite

– Shawki HALABY e sua moglie Abla con i due figli, Fadi (30) e Tamer (27) di Gerusalemme. Un altro dei loro figli sta scontando l’ergastolo in una delle prigioni israeliane.

– Layla SHATARA, una vedova di Betlemme, il cui figlio è esiliato a Gaza, in seguito all’assedio della Basilica della Natività nel 2002.

– Rania Michel MIZAK (37), cristiano di Gaza .

– Mike ABED RABBO (23) un giovane di Beit Jala, che non ha diritto a nessun documento di identità.

– Zakaria ZAKAKARIA di Betlemme, un ex-tossicodipendente ora riabilitato, ma affetto da problemi di salute.